Servizi

Nomadi: C.R.I., 1.117 censiti finora a Roma, 412 sono bambini

Da: “ANSA” – Roma, 19 agosto 2008 – Ripreso da: “Il Tempo”; “Il Messaggeto”; “la Repubblica” del 20 agosto 2008

“A 30 giorni dall’inizio del censimento a Roma tutto sta procedendo bene. Quelli che si sono rifiutati di essere censiti sono stati solo una piccola minoranza”. Il presidente della Croce Rossa Italiana Massimo Barra fa un bilancio dei primi trenta giorni del censimento dei nomadi effettuato nella Capitale in un’intervista a Tg2000, notiziario di Sat2000, l’emittente televisiva promossa dalla Conferenza Episcopale Italiana. Barra ha sottolineato che “sono stati censiti 1.117 nomadi, di cui 412 bambini. Di questi solo il 20% va a scuola ed è in regola con i vaccini. Abbiamo visitato, ad oggi, 21 insediamenti abusivi, su un totale di 50. Sono state 1.117 le persone censite volontariamente e altrettante le tesserine della Cri emesse, 210 i nuclei familiari e 412 i minori censiti, di cui il 20% non va a scuola e non ha effettuato e certificato di avere compiuto nessuna vaccinazione obbligatoria”.

E sui minori il presidente della Cri ha osservato: “La Croce Rossa non si è mai sognata di prendere le impronte digitali a nessuno. Anche perché non sapremmo come fare. Le impronte digitali lasciamole prendere agli stati Uniti per coloro che desiderano andare lì in visita”. “Proseguiremo – ha concluso Barra – il nostro lavoro fino al 15 ottobre prossimo. I dati raccolti saranno trattenuti dalla Croce Rossa e saranno inviati, in forma anonima, agli istituti di ricerca per la mappatura dei campi nomadi di Roma”.

,