Servizi

Governo: cinque richieste dalla Croce Rossa Italiana

Da: “AGI” – Roma, 25 aprile 2008

Funzionamento della macchina amministrativa pubblica, migrazioni, lotta alla droga, problemi legati ad Internet e maggior spazio alla Croce Rossa Italiana. Sono queste le cinque richieste della Cri al nuovo Governo esposte dal presidente dell’organizzazione umanitaria Massimo Barra. Al primo posto c’è la necessità di far funzionare la macchina amministrativa pubblica bloccata da problemi di budget e che ha innescato un circolo vizioso indebitandosi fino al collo e rinviando ad una data sconosciuta ogni pagamento. Quindi, secondo Barra, è necessario affrontare la questione delle migrazioni, un problema epocale, in cui la Croce Rossa può fare da tramite, colmando il fossato che divide l’opinione pubblica e le istituzioni. Al terzo punto la necessità di affrontare il problema della droga, senza separarlo da quello della sicurezza dei cittadini.

L’Italia – dice Barra – deve curare tutti i drogati, nessuno escluso, ma deve farlo attraverso gli strumenti noti a tutti lasciando stare le comunità terapeutiche che si occupano solo del 10% dei drogati, quindi una parte trascurabile. Secondo il presidente della Croce Rossa Italiana è necessario inoltre dare informazioni precise sul ruolo di Internet e spiegare che non è affatto un luogo di democrazia perché ognuno può mettere quello che gli pare senza avere l’approvazione degli altri. Infine, dare un ruolo maggiore alla Croce Rossa Italiana anche attraverso un sostegno finanziario significativo. Se in Italia ci fosse più Croce Rossa, dice Barra, tutti i cittadini starebbero meglio.

,