Servizi

Droga: Croce Rossa Caraibi, si a riduzione danno

Da: “ANSA” Roma, 9 dicembre 2007

Quattordici società nazionali della Croce Rossa dei Caraibi hanno oggi sottoscritto a Grenada il documento promosso dalla Croce Rossa italiana e dal Senlis Council, firmato a Roma lo scorso marzo, a sostegno di azioni umanitarie nella lotta alla tossicodipendenza e che individua nella riduzione del danno la strategia prioritaria. Lo rende noto il presidente della Cri, Massimo Barra, che ha partecipato all’incontro. Con la firma odierna salgono così a 92 (dalle 35 iniziali) le adesioni delle società nazionali della Croce Rossa al documento. “Il consenso al principio della politica umanitaria nella lotta alla tossicodipendenza – ha detto Barra – è stata unanime.

A Grenada le 14 società nazionali hanno tutte concordato sul fatto che i tossicodipendenti, 200 milioni nel mondo, non sono né peccatori né criminali, ma persone malate e come tali vanno trattate e curate. E’ un grande risultato per la Cri”. Sottoscrivendo il documento, tutte le società nazionali si impegnano a coinvolgere i rispettivi governi affinché adottino per il settore politiche basate sui principi umanitari. “Vogliamo dare voce a 200 milioni di persone – ha aggiunto Barra – che soffrono, che vivono discriminazioni e sono stigmatizzate. Vogliamo spingere i governi a realizzare politiche per la riduzione del danno e non per l’aumento del danno. Qui a Grenada si è parlato di catastrofe prodotta dall’ uomo piuttosto che dalle sostanze”.

,