Servizi

Iraq: Barra (C.R.I.), saremo gli ultimi ad abbandonare

Da: “ANSA” – SANREMO (IMPERIA), 7 settembre 2006

“Il nostro impegno in Iraq proseguirà. Abbiamo settanta uomini del corpo militare e dieci crocerossine che resteranno fintanto ci sarà il contingente. Saremo, dunque, gli ultimi a uscire”: lo ha dichiarato stamani, all’hotel Londra di Sanremo, il presidente nazionale della Croce Rossa Massimo Barra, all’apertura della 29/ma tavola rotonda sui Problemi attuali del diritto internazionale umanitario che quest’anno affronta il tema “Giustizia e riconciliazione – Un approccio integrato”. “E’ chiaro – ha aggiunto Barra – che l’assistenza sanitaria alle truppe deve rimanere fino a che c’è un soldato italiano e sul fronte civile continuiamo a gestire con piena soddisfazione il Medical City Center, l’ospedale civile di Baghdad, in cui sono stati curati più di 150 mila casi, soprattutto ustioni”.

Per quanto riguarda il Libano, Barra ha affermato: “Noi abbiamo l’orgoglio di aver portato e consegnato le prime due ambulanze alla consorella libanese, quando ancora c’era la guerra, passando per un piccolo corridoio umanitario concessoci dalle autorità occupanti. Siamo pronti a intervenire, anche ora. Abbiamo due canali, quello militare e quello civile. Il primo, se ci verrà richiesto, è quello dell’ausiliarietà delle forze armate. La croce rossa italiana, comunque, è sempre pronta a fare ciò che si renderà necessario”.

,