Servizi

Giornata Infanzia: Barra (C.R.I.), l’aiuto è d’obbligo

Da: “ANSA”; “Agi” Roma, 20 novembre 2006

“L’infanzia è già di per se una condizione che necessita di maggiore attenzione. Se poi ci sono situazioni sociali, ambientali e familiari difficili, allora c’è bisogno di un programma di sostegno rivolto a tutelare i bambini da pericoli e da possibili agguati”. A sostenerlo è il presidente nazionale della Croce Rossa Italiana, Massimo Barra, in occasione della Giornata mondiale per l’infanzia. “Ma i giovani – sottolinea Barra – sin dall’infanzia rappresentano soprattutto una risorsa. La CRI è impegnata, attraverso le azioni delle sue Componenti, a rendere i giovani protagonisti e a fare di loro possibili esempi nella società.

La repressione non basta per difenderli dai pericoli che si nascondono sotto forme diverse. Occorre creare e favorire occasioni di incontro, di confronto e di impegno sociale – prosegue Barra – dove i giovani possono essere portatori del loro entusiasmo”. “Il Movimento Internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa ha individuato proprio nei giovani oltre che nell’immigrazione le due grandi aree tematiche su cui concentrare ogni possibile sforzo. Su questi argomenti sono accomunati paesi ricchi e paesi più in difficoltà. Le città devono essere pensate e costruire – aggiunge Barra – a misura di bambino e i loro diritti vanno difesi. Nei principi di Croce Rossa c’è quello di dare voce a chi ha più bisogno: ai bambini che non possono chiederlo l’aiuto è d’obbligo”.

,