Servizi

Droga: Barra (C.R.I.), decreto affronta solo questioni tecniche

Da: “ANSA” Roma 14 novembre 2006
ASPETTI CHE INTERESSANO FARMACOLOGI E FORSE QUALCHE GIUDICE

“Ben venga il decreto Turco se aiuta a far sì che i tossici non vadano in galera, ma mi sembra che affronti problemi tecnico-numerici che possono interessare ragionieri, farmacologi o forse qualche giudice: nel mercato ‘al dettaglio’ non cambia niente, i consumatori di hashish, per esempio, non possono sapere quale sia la concentrazione di thc nella droga che acquistano nel mercato nero…”. Così il presidente nazionale della Croce Rossa italiana, Massimo Barra, commenta il provvedimento del ministro della Sanità con il quale e’ stato aumentato da 500 a 1000 milligrammi il quantitativo massimo di cannabis – espresso in principio attivo – che può essere detenuto per uso personale.

,