Servizi

Croce Rossa, spariti 14 milioni

Tratto da: “La Stampa” Roma 8 novembre 2006
Serviti per i riscatti in Iraq?
Rapporto della Finanza: sotto esame il bilancio dal 2004 al 2005

… L’attuale presidente del Cri, Massimo Barra, subentrato a Scelli nel dicembre 2005, non si pronuncia. «Di solito è la Croce Rossa ad anticipare i soldi» spiega. Ma poi non nasconde di aver ereditato una situazione di bilancio «alquanto problematica» ed un «situazione di cassa molto compromessa». I debiti negli ultimi anni si sarebbero accumulati, anche a causa di ritardi nel pagamenti da parte del ministero della Salute, e mancherebbero almeno 6 milioni di euro per onorare gli aumenti degli stipendi. «La nostra situazione economica è molto delicata – spiega Barra – paradossalmente la Croce Rossa più lavora e più perde, perché chi ci finanzia lo fa solo a rendiconto e non in anticipo, e questo ci crea un grosso problema di cassa».

,