Servizi

Sanità: firmato accordo tra Croce Rossa e Unione Italiana Ciechi

Da: “Adnkronos” Roma, 28 marzo 2006
FRA LE INIZIATIVE UN “TELEFONO AMICO”, ASSISTENZA DOMICILIARE E GITE SOCIALI

Un telefono amico, visite domiciliari ai non vedenti particolarmente gravi, soprattutto anziani, attività di prevenzione, ma anche l’organizzazione di gite sociali. Sono alcuni dei servizi che verranno attivati dalla Croce Rossa italiana (Cri) e dall’unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti grazie ad un accordo siglato oggi a Roma. L’intesa, di cui potranno beneficiare gli oltre 800 mila non vedenti italiani, è stata firmata da Massimo Barra, presidente nazionale della eri e Tommaso Daniele, presidente nazionale dell’Unione italiana ciechi. L’accordo stabilisce un’attività comune delle due organizzazioni, tramite un’unione delle rispettive risorse, a favore dei minorati della vista. “Fino a qualche tempo fa – ha affermato Barra – si pensava che la eri non dovesse allearsi con altre organizzazioni, ma oggi non è più così.

Siamo contenti di unire le forze con organizzazioni che rispettano i nostri principi fondamentali di umanità, imparzialità, neutralità, indipendenza, volontarietà, unità ed universalità”. Soddisfazione anche da parte di Daniele. “Firmare questo accordo – ha ammesso il presidente dell’Unione italiana ciechi – è sempre stato il nostro sogno. Per i ciechi è infatti indispensabile avere il sostegno di qualcuno, il fatto che questo aiuto arrivi dalla Croce Rossa Italiana ci rende ancora più felici”.

,