Servizi

Omaggio a Ciajkovskij. Pappano sul podio

Da: “L’Unità”; “Il Tempo” – Roma, 4 luglio 2006
L’Orchestra ceciliana apre il ciclo «Passione russa» con un concerto di beneficenza per la Croce Rossa

E’ stata una presentazione dei concerti estivi dell’Accademia di Santa Cecilia piuttosto rocambolesca, quella che si è tenuta ieri: da stasera infatti l’Orchestra ceciliana aprirà il suo ciclo “Passione Russa” dedicato a Ciajkovskij, protagonista anche dei successivi appuntamenti i cui incassi saranno devoluti alla Croce Rossa. Il concerto, diretto da Antonio Pappano, è stato anticipato di due ore e inizierà alle 19 in modo da permettere al pubblico di tornare a casa per la partita Italia-Germania. Era presente tra gli altri Massimo Barra, presidente della Croce Rossa italiana che nel suo intervento ha voluto sottolineare come «il ruolo della nostra associazione stia cambiando nel tempo: è giunto il momento che la Croce Rossa passi a quello che si dice la “Advocacy”, essere dalla parte delle persone che subiscono i torti, abbandonando almeno in parte la nostra tradizionale riservatezza».

Non tutti sanno, infatti, che l’accesso della Croce Rossa alle zone di guerra, di detenzione e più in generale di sofferenza, è legata al tacito accordo di recare aiuto e richiedere l’assistenza internazionale senza rendere pubblico quanto sta accadendo. Molto di rado l’associazione si è comportata in modo diverso: «Ma – insiste Barra – non possiamo permetterci di accettare “un po’ di tortura”, come alcuni stati ritengono di poter fare, né che i luoghi di detenzione, anche nei paesi che a parole difendono i diritti dell’uomo, siano inumani». Sono parole che hanno avuto il loro effetto sui presenti, e il direttore musicale di Santa Cecilia Antonio Pappano ha deciso di devolvere il suo cachet a favore della causa del concerto, che nello specifico è l’acquisto di una ambulanza appositamente progettata e costruita per i bambini…

,