Servizi

Iraq: torture; C.R.I., violenze sempre riprovevoli

Da: “ANSA” – YOUANDE’ (Camerun), 23 febbraio 2006

Le violenze nel carcere di Abu Grahib “sono riprovevoli. Non sono giustificabili da qualunque colore o bandiera provengano”. Così Massimo Barra, presidente della Croce Rossa Italiana, commenta le notizie su un possibile coinvolgimento di contractors italiani nelle violenze ai danni di detenuti iracheni. “Non ho notizia alcuna di questi episodi – ha tenuto a precisare – ma non vanno in ogni caso giustificate, come anche non va coperto nessuno.

La violenza è contro i diritti umani, ed è responsabile sia chi la compie sia chi la copre”. Per Barra, ”le carceri in tutto il mondo rappresentano un problema ancora irrisolto. I carceri, anche nei paesi democratici, sono luogo di violenza e non di rieducazione. In caso di guerra la situazione si complica e si aggrava”. Il presidente ha ribadito la disponibilità della Cri a gestire le carceri italiane assicurando il rispetto dei diritti umani.

,