Servizi

Afghanistan/oppio: aperture di Amato si trasformino in studio di fattibilità …

Da: “www.radicalparty.org” del 17 giugno 2006
… da condividere coi partner europei

Dichiarazione di Marco Perduca, Segretario della Lega Internazionale Antiproibizionista e membro della Direzione della Rosa nel Pugno: “L’interesse del Ministro Amato relativo alla proposta avanzata da Emma Bonino di consentire all’Afghanistan di produrre oppio legalmente per fini medici va immediatamente tradotto in proposte concrete da elaborare all’interno del quadro normativo delle tre Convenzioni ONU in materia di sostanze psicotrope. “Da quasi un anno il think tank inglese Senlis Council lavora a una proposta simile a quella avanzata da Emma Bonino nella sua relazione finale della missione in Afghanistan in occasione del voto parlamentare del 2005, il Governo convochi con urgenza il Presidente della Croce rossa italiana Massimo Barra, che col Senlis collabora da tempo, per acquisire tutta la documentazione necessaria per approfondire la proposta nel dettaglio e istruire una riunione urgente a Bruxelles per porre la questione a livello comunitario.

“Contrariamente a quanto sostiene l’ex zar anti-droga Arlacchi, la proposta potrebbe avere ripercussioni positive non solo sulla cura del dolore in Afghanistan, dove si operano persone senza morfina, ma anche nel resto del mondo visto che vi è una carenza di oppiacei dovuta a politiche che non tollerano la cura del dolore. Infine, avviare una regolamentazione legale della produzione e raffinazione dell’oppio avrebbe anche ricadute rilevanti nei confronti dei signori della droga e della guerra.

,