Servizi

Cri, tocca a Barra il dopo-Scelli

Da: “L’Eco di Bergamo” domenica 4 dicembre 2005

Con una settimana di anticipo la Croce Rossa Italiana conosce già il suo presidente. Massimo Barra, candidato unico alle elezioni del 10 e dell’11 dicembre prossimi in cui sarà votato il presidente nazionale, è di fatto anche il vincitore. Elezioni del presidente senza suspence, quindi, per la Cri che chiude così i tre anni di commissariamento straordinario guidato da Maurizio Scelli. «Sono emozionato» si è limitato a commentare il presidente in pectore, raggiunto telefonicamente a Kabul dove si trova in missione per conto della Federazione internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa.

«La notizia della candidatura unica – ha detto Barra – mi ha raggiunto mentre ero con Alberto Cairo nel suo ospedale dove migliaia di afghani senza gambe sono curati da 300 operatori sanitari che a loro volta camminano con le protesi. Il fatto di aver saputo qui della mia candidatura unica è stato un segno del cielo, una benedizione». Per Barra, l’unica candidatura a presidente della Cri, «oltre ad essere emozionante è anche il segno di un processo di consenso crescente». Nel programma elettorale di Barra, c’è un obiettivo ambizioso: «consolidare l’immagine della Cri come organizzazione umanitaria più importante del paese, rispettata ed appoggiata da tutti».

,