Servizi

Iraq: C.R.I. a Garavaglia, polemiche meschine e incomprensibili

Da: “ANSA” di mercoledì 3 marzo 2004 ore 20.33

(ANSA) – ROMA, 3 MAR – “I rapporti della Croce Rossa Italiana con il movimento internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa non sono mai stati migliori di adesso”. Lo afferma Massimo Barra, delegato per le relazioni internazionali della Cri in relazione alle affermazioni di Mariapia Garavaglia, vicesindaco del Comune di Roma e vicepresidente della Federazione Internazionale della Croce e della Mezzaluna Rossa, secondo la quale per la missione in Iraq sulla Cri penderebbe un giudizio negativo del movimento internazionale.

Alla Cri, c’è “stupore” per queste dichiarazioni. “I rapporti della CRI con il Movimento Intemazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa – spiega Barra – non sono mai stati migliori di adesso e il nostro impegno in Iraq, che ha portato assistenza e soccorso a migliaia di persone gravemente ferite o ammalate, è altamente apprezzato dai Vertici della Croce Rossa Internazionale”.

Inoltre, di recente il Segretario Generale della Federazione Internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, Marku Niskala, ha affermato in una lettera indirizzata alla Cri che “II lavoro di emergenza ospedaliera svolto dal team della Croce Rossa Italiana è stato molto apprezzato dalle autorità e dalla popolazione irachena”.

“Innumerevoli sono poi – sottolinea ancora la Cri – le dimostrazioni di affetto che ci provengono dall’Iraq. Questi fatti sono ben conosciuti dagli italiani che anche in recenti sondaggi hanno mostrato di essere soddisfatti ed orgogliosi del lavoro della loro Croce Rossa. A fronte dei risultati ottenuti nel pieno rispetto dei Principi di Neutralità e Indipendenza, le polemiche dell’On. Garavaglia appaiono meschine e incomprensibili se non nel senso di una lotta politica di parte che non ci appartiene”. (ANSA).

,