Servizi

Droga: Ue; 7-8 mila morti all’anno, no guerra ai drogati

Da: “ANSA” Bruxelles 26 giugno 2009

Ogni anno in Europa la droga provoca da 7 a 8 mila morti e sono 12 milioni le persone che nell’Unione europea consumano o hanno consumato cocaina, mentre in media ogni ora un cittadino dell’Ue muore di overdose. I dati sono stati ricordati oggi dalla Commissione europea, in occasione del lancio di una nuova azione Ue d’informazione e di sensibilizzazione sul problema della tossicodipendenza. “Bisogna convincere le famiglie a non stigmatizzare i giovani, ma ad aprire un dialogo, ad informarli sui rischi”, ha spiegato il vicepresidente dell’esecutivo Jacques Barrot che per la campagna ha coinvolto molteplici attori, da associazioni anti-droga a personaggi del mondo dello spettacolo ed attivisti nel sociale. Il vicepresidente ha puntato il dito soprattutto contro i trafficanti e l’offerta di droga. “Bisogna combattere la domanda, senza stigmatizzare gli utilizzatori”.

”La guerra ai drogati e non alla droga come viene fatta in alcuni Paesi è una guerra cattiva, stupida e controproducente”, ha spiegato Massimo Barra, vicepresidente della Croce rossa internazionale e già presidente nazionale della Croce rossa italiana. A suo avviso, ”stigmatizzare uccide più di quanto non lo facciano le sostanze”. D’accordo con un proibizionismo, come lui stesso lo definisce “illuminato”, (“il maggior numero di morti si riscontra tra gli utilizzatori di droghe legali come 1’alcol e il tabacco”), Barra ha fatto notare come mettere in carcere i consumatori di droga vuol dire farli uscire dalla cella criminali. Secondo i dati resi noti ieri dall’Onu, il consumo di cannabis e cocaina tra i giovani è in diminuzione, mentre resta stabile l’uso di droghe sintetiche come le anfetamine o l’ecstasy.

,