Servizi

Croce Rossa: 100 anni morte Dunant; C.R.I., messaggio è attuale

Da: “ANSA” – Roma, 26 ottobre 2010
MASSIMO BARRA, RIFLETTERE SU DIRITTO UMANITARIO CHE E’ VIOLATO

“Il centenario della morte di Henry Dunant E’ un’occasione per riflettere sul ruolo della Croce Rossa all’interno dei conflitti moderni, sull’attualità del messaggio, sull’intuizione profonda di quest’uomo e quindi sui valori che ciascun volontario e operatore della Croce Rossa è oggi chiamato a diffondere in scenari e in contesti sempre più complessi”. Lo ha detto Francesco Rocca, Commissario Straordinario della Croce Rossa Italiana, aprendo i lavori oggi del convegno “Ideali umanitari e guerra: riflessioni a cento anni dalla morte di Henry Dunant” in corso a Roma presso il Comitato Centrale CRI di via Toscana.

“Il mio pensiero – ha aggiunto Rocca – va a tutti gli operatori e volontari della Cri impegnati in questo momento ad Haiti e agli operatori della Mezzaluna Rossa che lavorano in Palestina e che fanno di tutto quotidianamente per alleviare le sofferenze delle persone colpite da disastri e guerre”. Al convegno Massimo Barra, presidente della Commissione permanente della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa, ha lanciato un preciso appello: “Parlare di diritto internazionale umanitario (Diu)è importante: primo perché è poco conosciuto dalla gente e secondo perché è continuamente violato in tutte le parti del mondo. Quindi aumentare la consapevolezza della gente sui significati del Diu, che è un tentativo disperato di rendere meno disumana e brutale la guerra e il conflitto armato, è un opera meritoria. Mi auguro che anche le Autoritá sentano e agiscano per evitare e prevenire le violazioni del diritto umanitario”.

,