Servizi

AIDS: Barra, Croce Rossa invita a promuovere riduzione danno

RAPPORTO FEDERAZIONE INTERNAZIONALE, GARANTIRLA A TOSSICOMANI

Da: “ANSA” – Roma, 30 novembre 2010

“Le evidenze scientifiche sono così clamorose che la Federazione internazionale della Croce rossa e Mezzaluna rossa ha ritenuto di dover rompere il suo tradizionale riserbo, invitando le 186 società nazionali a promuovere nei rispettivi paesi le pratiche di riduzione del danno tra i tossicomani come modo migliore ed efficace di celebrare la giornata mondiale sull’Aids, al di là della retorica e delle frasi fatte abituali in tale occasioni”. Così Massimo Barra, fondatore di Villa Maraini e dirigente del Movimento internazionale della Croce rossa e della Mezzaluna rossa. Nel suo rapporto “Out of harm’s way”, che sarà presentato domani a Ginevra alla presenza del board, del corpo diplomatico e delle istituzioni delle Nazioni unite, la Federazione afferma che “l’accesso insufficiente alla prevenzione dell’hiv, al trattamento e al supporto per i consumatori di droga per via endovenosa viola i diritti umani. Negare l’accesso ai servizi di riduzione del danno ai tossicomani contribuisce alla trasmissione dell’hiv”.

“Se la percentuale di tossicomani che contraggono l’hiv – aggiunge Barra – è scesa in Italia dal 74,6% di tutti i nuovi casi nel 1985 al 7,7% nel 2008, il merito e’ delle pratiche di riduzione del danno (terapia sostitutiva, unità di strada, scambio di siringhe, educazione tra pari, centri di pronta accoglienza) che Villa Maraini ha introdotto per prima in Italia, quando ancora questa terminologia non era entrata nell’uso comune, nel disinteresse fino al boicottaggio da parte delle competenti autorità”. “La stigmatizzazione e la discriminazione contro i tossicomani nel nostro paese – conclude Barra – sono malattie infettive che colpiscono anche chi si prende cura di loro”.

,