Servizi

A scuola di volontariato

Da: “Il Giornale D’Italia” di martedì 21 gennaio 2003
Un corso di formazione a Villa Maraini
I troppi ritardi di Regione e Comune

Massimo Barra, presidente e fondatore di Villa Maraini, struttura per la cura ed il recupero dei tossicodipendenti, ha lanciato un appello per reperire un centinaio di volontari tra gli studenti liceali affinché collaborino dopo un corso alla lotta alla droga.

Il corso, che comincerà il 23 gennaio, sarà composto da 8 incontri pomeridiani, uno a settimana. Al termine sarà rilasciato un attestato per diventare volontari di Villa Maraini al fine di prevenire l’uso di droghe nelle scuole. L’iniziativa, promossa da Massimo Barra, nasce dagli scarsi risultati ottenuti dalle campagne governative contro la droga. Intanto Villa Maraini continua a soffrire di carenze finanziarie!

Intervistato telefonicamente dal nostro quotidiano, Barra ha, per 1’ennesima volta, denunciato i ritardi nei contributi da parte di Comune e Regione, cosa che ha comportato la mancanza dei versamenti degli stipendi del mese di dicembre ai dipendenti della struttura.

Barra si è dimostrato particolarmente polemico nei confronti del presidente della Regione Lazio Francesco Storace. “Storace si è dimostrato immotivatamente e offensivamente, poco interessato ai problemi di Villa Maraini”, ha detto Barra che tra l’altro lo ha accusato “d’essersi fatto vedere una volta sola”.

Non meno polemici i suoi giudizi sull’operato del Comune, accusato di “disinteressarsi poco ai problemi economici del suo centro”. Insomma, se da un lato Villa Maraini si appella al volontariato come punto di sostegno alla lotta alla droga, dall’altro, malgrado le tante grida d’allarme su di lei continua a pendere la “Spada di Damocle” legata al fattore economico.

Una situazione che non sembra trovare una risoluzione, e che pesa sui quasi mille assistiti di questa struttura fondata ventisei anni fa.

,