Servizi

Incendio doloso sul lungomare: distrutto chiosco di Villa Maraini

em>Da: “Il Tempo” di mercoledì 30 giugno 1999

OSTIA – Incendio doloso di un chiosco sul lungomare Amerigo Vespucci. Le fiamme sono divampate altissime ieri mattina alle cinque. Sul posto si sono portati immediatamente i pompieri che hanno spento il fuoco ma non sono riusciti ad evitare che il corpo centrale del chiosco, consegnato nei giorni scorsi ai soci della cooperativa sociale “Villa Maraini” che hanno avuto in concessione la spiaggia libera, ed in via di installazione, fosse completamente distrutto.

Il chiosco era uno di quelli offerti dall’Assobalneari e assegnato dalla Circoscrizione alle cooperative sociali per offrire un servizio di pulizia ed affitto sdraio ombrelloni anche su gli arenili liberi. L’incendio è stato preparato con cura: sul posto, infatti, è stata rinvenuta una miccia e una tanica di benzina, utilizzata per cospargere di benzina il casotto.

“Eravamo stati minacciati – ha ricordato Massimo Peroni, presidente della Villa Maraini, cooperativa che opera nel campo del recupero dei tossicodipendenti – … avevamo già informato la Circoscrizione che c’era qualcosa che non andava, la nostra presenza in quella spiaggia non era vista di buon grado. La concessione ha tagliato fuori decine di persone che rivendicavano una priorità che nessuno ha mai riconosciuto”.

Il presidente della fondazione “Villa Maraini”, Massimo Barra auspica, sulla questione, approfondite indagini di polizia e magistratura: “Siamo solo nel campo dei sospetti e delle ipotesi – ha commentato lo stesso Barra – ma è chiaro che la matrice di questo attentato incendiario va ricercata nel campo degli abusivi delle spiagge che vogliono difendere lo status quo”.

,