Servizi

Droga, minacce dagli spacciatori all’unità mobile di Villa Maraini

Da: “Il Tempo” di venerdì 9 luglio 1999

IL CAMPER di soccorso ai drogati della Fondazione “Villa Maraini”, impegnato nell’operazione “Tor Bella Monaca”, è rimasto coinvolto in uno spiacevole episodio con alcuni cittadini della zona. Mentre gli operatori stavano intervenendo su due casi di overdose, quattro uomini, due donne e una ragazza si sono avvicinati con fare minaccioso intimando di allontanarsi, altrimenti avrebbero dato fuoco al camper.

Gli operatori di Villa Maraini, che sono in servizio in zona da ottobre 1998 tutti i giorni feriali dalle 11 alle 16, non avevano mai ricevuto intimazioni simili. Il servizio effettua opera di assistenza completa ai tanti tossicodipendenti della zona, che va dalle cose più semplici, come avere informazioni, cambiarsi i vestiti, poter fare una doccia, prendere una siringa sterile, iscriversi al Sert per iniziare una terapia con il metadone, agli interventi più complessi, come quelli sulle overdose.

Il 70 per cento dei tossicomani della zona vengono da fuori Roma. A Tor Bella Monaca non esistono barboni, né alcolizzati. Si tratta invece di persone dedite essenzialmente alla droga, con una casa e spesso un lavoro o un sussidio. In 9 mesi di presenza, l’Unità di Strada ha ritirato 5317 siringhe usate, ha effettuato 93 primi contatti (persone che non si erano mai avvicinate ad un’Unità di Strada) e comunicato oltre 8000 informazioni sulle droghe o sul virus HIV.

Gli operatori hanno salvato la vita di 33 persone in overdose e oltre 70 tossici sono stati inviati ai centri di accoglienza per terapie di recupero. “Andando a Tor Bella Monaca eravamo perfettamente consapevoli di essere scomodi ad alcuni, al “giro”, poiché la nostra azione avrebbe portato a galla un problema che stava finora silenziosamente lacerando il tessuto sociale del quartiere – il parere di Massimo Barra, direttore della Fondazione – Era logico aspettarsi delle ritorsioni dagli spacciatori di zona.

Il camper da fastidio perché supporta delle persone che rendono più soldi se vengono lasciate sole. Però queste dimostrazioni di scarsa sensibilità nonché di mancanza di collaborazione da parte della gente stessa possono essere preoccupanti. Presto – ha concluso Barra – chiameremo i cittadini di Tor Bella Monaca ad una mobilitazione contro la droga”.

,