Servizi

Non-stop antidroga

Da: “Paese Sera” del 16 agosto 1993
I progetti di Barra contro le inefficienze Usl: “Bisogna essere pronti a garantire i servizi”

Passa il Ferragosto al telefono. Con i suoi collaboratori ha deciso di contattare tutte le strutture per l’assistenza ai drogati della capitale per verificarne il funzionamento nel giorno del “tutto chiuso” in città. Massimo Barra da vent’anni al servizio dei tossicodipendenti, fondatore della comunità di Villa Maraini nonché neo-assessore provinciale alle politiche per la solidarietà. Ha lanciato di recente un appello affinché in questi giorni vacanzieri, le strutture antidroga continuino a funzionare a pieno regime. E perché il suo non rimanesse un parlare al vento, oggi sacrifica la spiaggia e si fa controllore dell’efficienza dei centri antidroga.

Dottor Barra, perché questa iniziativa?
“Quando gli altri vanno a divertirsi chi sta male sta peggio e ha bisogno di più assistenza. Nel caso dei drogati, la perdita di punti di riferimento terapeutici esaspera questa solitudine e di qui all’overdose il passo è breve”

C’è davvero il rischio che i Sert ospedalieri chiudano le porte in questi giorni di esodo vacanziero?
“Da “repubbliche indipendenti” quali sono le Usl c’è da aspettarsi di tutto. Non si tratta solo di tenere aperti i centri ma di esser anche pronti a garantire servizi per tutte le esigenze”

Quali sono gli orari di apertura dei Sert?
“Questo è il problema: dei 15 attivi a Roma, non ce n’è uno aperto 24 ore su 24. Ognuno, poi, adotta un orario diverso dall’altro. Le conseguenze ricadono sui pronto soccorso che spesso curano i tossicodipendenti senza saperli trattare”

C’è una “porta” che oggi rimarrà sicuramente aperta?
“Il “telefono in aiuto” di Villa Maraini, lo 0665741188, attivo tutti i giorni della settimana 24 ore su 24″.

Ora che è assessore provinciale alle politiche della solidarietà, quali sono i suoi programmi?
“Di recente ho firmato un progetto per gli extracomunitari: l’idea è di creare per loro strutture di accoglienza e di pronto intervento in collaborazione con la Croce rossa. Quanto alla tossicodipendenza, le competenze della Provincia sono purtroppo assai limitate. Entro fine mese presenterò un piano di 15 proposte per migliorare l’assistenza”.

Qualche anticipazione?
“L’apertura dei Sert 24 ore su 24 dove operino solo medici esperti, il potenziamento delle unità di strada e il superamento della discriminazione territoriale affinché i drogati possano scegliere liberamente il medico da cui vogliono essere assistiti”.

,