Servizi

L’assistenza ai drogati sarà prorogata al 15 marzo

Da: “Il Tempo” di martedì 25 febbraio 1997 – Roma.
VILLA MARAINI

VILLA Maraini proseguirà fino al 15 marzo l’assistenza socio-sanitaria per tossicodipendenti. Lo ha annunciato il direttore della Fondazione Villa Maraini, Massimo Barra, al termine di una riunione svoltasi ieri per scongiurare la chiusura della struttura, annunciata per il 28 febbraio, a causa della mancanza di fondi.

All’incontro hanno partecipato, tra gli altri, l’assessore regionale alla sanità Lionello Cosentino, l’assessore comunale ai servizi sociali Amedeo Piva e due rappresentanti della Croce rossa italiana.
“Siamo soddisfatti – ha detto Barra – e come dimostrazione di buona volontà e fiducia in Cosentino continueremo ad assicurare sino alla metà di marzo i 12 servizi prestati gratuitamente da Villa Maraini per l’assistenza, la riduzione del danno e la disintossicazione dei tossicodipendenti”.

Barra ha aggiunto che “i problemi finanziari rimangono perché oggi ci sono state fatte solo promesse e con le promesse non possiamo mandare avanti la Fondazione”.

Secondo i dati dell’Osservatorio epidemiologico regionale Villa Maraini, fondata nel 1976, ha assistito il numero più alto di tossicodipendenti tra tutti gli enti pubblici e privati del Lazio nel 1996, curando in oltre 20 anni circa 25mila giovani.

“Per sopravvivere abbiamo bisogno di due miliardi e mezzo l’anno – ha concluso Barra – ma oggi non esiste ancora alcun tipo di convenzione con la Regione, la Asl Rm/B e il comune di Roma”.
“E’ necessario uscire dagli interventi straordinari – ha detto Cosentino al termine della riunione – ampliare i criteri per l’accreditamento, dare norme certe e un percorso amministrativo rapido per i servizi per la tossicodipendenza assicurati dagli enti ausiliari come Villa Maraini”.

“Fino ad oggi questi enti sono stati finanziati con fondi straordinari – ha aggiunto l’assessore – ci impegneremo a trovare la copertura finanziaria, con fondi ordinari per poter garantire questi importanti servizi per la comunità”.

L’assessore Piva ha definito “insostituibile” l’attività svolta a Roma da Villa Maraini.

,