Servizi

Appello di Gianfranco Fini per salvare Villa Maraini

Da: “OkRoma.it” Roma 30 settembre 2011

I finanziamenti a Villa Maraini non vanno toccati. Parla chiaro il presidente della Camera Gianfranco Fini che ieri, in visita alla comunità terapeutica che da 35 anni si occupa di tossicodipendenti, ha rivolto un appello al sindaco Gianni Alemanno e al presidente della regione Lazio, Renata Polverini «affinché non vengano indeboliti questi presidi». Rispondendo al presidente di Villa Maraini, Massimo Barra che ha accusato gli enti locali di «discriminazione per motivi politici», Fini ha precisato: «Mi rifiuto di pensare che le difficoltà dipendano da una volontà di discriminazione, perché saremmo in presenza di comportamenti irresponsabili.

E anche se si trattasse della necessità di ridurre i fondi perché siamo in un momento difficile, alle istituzioni competenti, al sindaco e alla regione mi permetto di dire: non è su servizi sociali come questo che si può dar vita a politiche di rigore e tagli». Il presidente della Camera ha visitato i diversi padiglioni di Villa Maraini che contatta ogni giorno circa 600 persone. Al termine della visita Barra è stato polemico con Comune e Regione. «Quando governava la sinistra – ha detto – eravamo esclusi perché non facevamo politica, ora che c’è la destra siamo esclusi ancora di più. Villa Maraini viene messa sullo stesso piano dell’ultima cooperativa di amici alla ricerca di un finanziamento. Noi costiamo 3 milioni all’anno per un servizio di 24 ore al giorno. Come se non bastasse ci chiedono una fideiussione.

Noi dovremmo pagare il Comune per curare i drogati?». Pronta la risposta di Fini: «Le istituzioni devono rendersi conto di cosa sono servizi sociali come questo. Farò quello che è possibile perché questa comunità continui ad essere quello che è stata». All’appello di fini risponde Aldo Forte, assessore alle Politiche sociali: «L’assessorato ha confermato lo stesso stanziamento di 4 milioni dello scorso anno per le attività di prevenzione». E aggiunge Gianluigi De Palo, assessore alla Famiglia: «Non c’è alcun intento discriminatorio. Villa Maraini potrà partecipare a tutti i bandi che abbiamo promosso per contrastare le tossicodipendenze a Roma».

,