Servizi

“Tossicomanie giovanili: teciche di recupero”

Da: “BOLLETTINO D’INFORMAZIONE” Edito dall’Ufficio Studi e Programmazione Servizio per l’educazione alla salute e per la prevenzione delle tossicodipendenze del Ministero della Pubblica Istruzione – Quarto anno n. 5/6 dicembre 1982.
di Massimo Barra – Milano – Savelli Editori – 1982 – pp. 128 – 18.000.

Il nome dell’ideatore e direttore della Comunità terapeutica “Villa Maraini”, Massimo Barra, non e nuovo ai lettori di questo Bollettino. E ben nota è l’appassionata competenza che egli da anni ha messo a disposizione di quanti si occupano di droga a titolo preventivo e terapeutico.

Nuovo è invece questo suo libro in cui sono raccolte otto lezioni ad uso di genitori, insegnanti e personale medico e paramedico e che di buon grado segnaliamo per la originalità delle riflessioni e delle puntualizzazioni sui problemi che ci interessano.

“Non si può svolgere un ruolo terapeutico se non ci si sforza di conoscere e comprendere”: da tale presupposto muove il Barra per tracciare l’itinerario delle sue riflessioni, per lo più esperienziali, rivolte a quanti vogliano riguardare la problematica delle tossicomanie giovanili “senza paraocchi e strumentalizzazioni di parte”.

Riflessioni che vanno dalle definizioni di droga alle forme di dipendenza, dai problemi della prevenzione a quelli del reinserimento, attraverso tutto l’arco di questa “malattia nuova” che è la tossicomania giovanile.

Ogni lezione meriterebbe un commento a sé, ma ci limiteremo a citare i tre obiettivi che l’autore affida alla terapia e che rappresentano un preciso programma:
1 – “evitare l’irreparabile” (la morte per droga o la patologia irreversibile);
2 – “il problema della felicità” (non ci sono drogati felici, secondo l’espressione di Olivenstein);
3 – “la riscoperta di alternative” (ovvero la scoperta di “qualunque cosa per la quale valga la pena di vivere indipendente dal ricorso alla droga”).

Lo spazio non ci consente che ribadire la validità di questo fresco volume che, fra l’altro, presenta un’appendice con le più recenti norme e circolari, nonché diversi indirizzi di comunità terapeutiche.

,