Servizi

Overdose, 13 morti in un mese “Sul mercato eroina difficile da tagliare”

Da: “La Repubblica” del 1 febbraio 1995

“EROINA troppo pura in giro”, così si spiega il record di overdose in città: tredici in trenta giorni, un morto ogni 56 ore. L’ipotesi è di Massimo Barra, direttore di Villa Maraini, che ieri ha presentato la nascita dell’Unità di emergenza contro le overdose, un pronto intervento che, da oggi, funzionerà 24 ore su 24 al numero 55.877.77. “Sul mercato ci sono partite d’eroina difficili da tagliare. Sta probabilmente qui la risposta a queste morti, anche perché il consumo di droga in vena sembra in diminuzione. I dati sulla raccolta di siringhe e quelli sulla loro distribuzione in farmacia dicono che il fenomeno decresce del 10 percento ogni anno”.

Roberto, “responsabile camper” per Villa Maraini, aggiunge: “Qui a Termini gira un tipo di eroina “brown sugar gommosa”, simile nella consistenza a una caramella mou, così difficile da sciogliere e da tagliare che alla fine i tossicodipendenti se la iniettano nelle vene allo stato puro. Viene dal Centrafrica, ha colore marrone scuro e gli africani la fumano, Un consiglio? Farsene una dose più piccola di quella consueta”.

Ma per “ridurre i decessi da overdose” Villa Maraini e la Croce rossa mostrano due nuovi servizi. L’Unità di emergenza (quattro vetture con un medico, un volontario e un ex tossicodipendente) e il centro di prima accoglienza ricavato nella sede della Fondazione, via Ramazzini 31: otto posti letto per far trascorrere le prime notti “civili” al drogato e per contattare una struttura di recupero.
Spiega Barra: “Saremo in collegamento con la sala operativa della questura e con l’autoparco della Croce rossa. Il servizio è gratuito e si potrà chiamare in caso di overdose, per la somministrazione del farmaco salvavita Narcan, ma anche in tutte le situazioni di crisi di un tossico, l’astinenza, le liti in famiglia”. Le persone contattate dal camper della stazione Termini e dall’unità di emergenza – dal marzo’92 ad oggi – sono state 5812 di cui 4829 eroinomani. Più di cento le salvate da overdose.

,