Servizi

Croce Rossa: appello al Governo “Volontari del Soccorso”

Da: “ANSA” – Roma, 28 gennaio 1985

Una mozione in cui si esorta il governo – e in particolare il ministero della sanità – ad approvare con urgenza il nuovo statuto della croce rossa italiana, ponendo così fine all’attuale gestione commissariale, è stata inviata stamani a palazzo Chigi dall’ Ispettore Nazionale dei “Volontari del Soccorso”, Massimo Barra. la mozione è stata approvata dai 14 ispettori regionali e interregionali dell’ organizzazione, al termine del consiglio nazionale svoltasi sabato a Roma.

Durante i lavori è stato messo in evidenza come la gestione commissariale duri dal 1980, quando venne istituita con un decreto del presidente della repubblica, in attesa dell’ elaborazione di un nuovo statuto. Lo statuto, realizzato da un apposito comitato nazionale, è stato consegnato nel dicembre 1982 al ministero della sanità, dove tuttora giace, – è stato rilevato – in attesa di approvazione.

la gestione commissariale, oltre a costare una ottantina di milioni di lire l’anno, comporta, secondo i volontari del soccorso (che sono 23 mila in tutta Italia e che agiscono in stretto coordinamento con il ministero della protezione civile), ostacoli organizzativi ed economici alla loro attività. Tra gli altri problemi, il consiglio ha affrontato quello della carenza di fondi per l’ addestramento, le divise e le infrastrutture, difficilmente reperibili – è stato affermato – anche a causa dell’ attuale struttura amministrativa.

,