Servizi

In ricordo di tanta umanità

Da: “Rivista delle Nazioni” Anno XX n.5 settembre 1988

Menaglia l’ho conosciuto la prima volta a Piazza del Popolo in una bella serata di Giugno del 1961. L’Italia festeggiava i 100 anni della sua Unità, la C.R.I. solennizzava l’avvenimento con una manifestazione al giorno durante la tradizionale “Settimana della Croce Rossa”. Il tutto ideato, coordinato e diretto da lui. Io avevo 14 anni ed ero ai miei primi servizi da Pioniere. Piazza del Popolo era gremita di gente per vedere i fuochi di artificio. Fu un grande successo. Lui sprizzava di gioia e ci invitò, noi giovani, al bar per ringraziarci. Ero emozionatissimo che un personaggio come lui trovasse il tempo per stare con noi giovanissimi di Croce Rossa. Cominciammo così a frequentarci, in un rapporto di collaborazione prima, poi sempre più stretto di amicizia, anno dopo anno, fino al suo ultimo giorno.

Un uomo come lui non può essere descritto in poche righe, essendo qualunque frase essendo riduttiva. Restano le emozioni ed i ricordi: il suo telefono sempre occupato, gli incontri “al volo” nei posti più strani, il suo entusiasmo infantile per il lavoro, le telefonate alle ore impossibili di mattina e di sera, l’amore per la Croce Rossa, lo sdegno per i faccendieri e gli intrallazzatori, l’incomprensione assoluta per la burocrazia ed i suoi rituali, i proverbiali ritardi perché i rapporti interpersonali e di amicizia erano più importanti del passare del tempo, il ricombinarsi magnifico di tutti i tasselli, all’ultimo minuto, con il successo della mostra, o della sfilata, Natale Oggi, Tevere Expò, i Presepi, Viaggi e Vacanze, Sofia Loren e Gina Lollobrigida che donano il sangue sull’autoemoteca, le emergenze, gli aiuti ai terremotati ed agli alluvionati, i cammelli e gli elefanti a Piazza di Spagna con noi a chiedere alla gente, impazzita di gioia, soldi per la Croce Rossa.
E lui sempre felice, sorridente, sereno, semplice, buono. Addio Menaglia, Arrivederci.

Massimo Barra
Ispettore Nazionale dei Volontari del Soccorso della CRI
Direttore e fondatore della Comunità Terapeutica “Villa Maraini”

,